IMG_7242_1600

#GGDBrescia5: una pioggia di colore con CacoDesign

cacodesign

Caco Design è un’azienda tutta al femminile che nasce nel 2009 dal sogno, diventato poi realtà, di Maria Chiara Allegri e Giuliana Archetti: creare, disegnare e giocare di fantasia trovando sempre il tempo per svolgere il loro compito principale: essere mamme di Camilla e Niccolò.

Proprio dai loro due nomi prende forma il naming del brand CACO: CA-mi e CO-cò.

Amiche da sempre e colleghe per la vita, le due imprenditrici bresciane plasmano il plexiglas ed altri materiali ricercati con la forma di due bimbi, maschio e femmina che adornano braccialetti, orecchini, girocollo e altri accessori.
Elegante, giocoso, colorato e “terapeutico” un Caco personalizza l’outfit ed esalta l’umore e le emozioni di un momento particolare o perché no di tutti i giorni.

Un’attività nata quasi per gioco quando 6 anni fa Maria Chiara e Giuliana sono entrate nell’azienda che tutt’oggi produce le loro creazioni, chiedendo di realizzare due braccialetti con i loro schizzi. Da allora hanno commissionato loro quasi un milione di pezzi, segno che passione, determinazione e un pizzico di follia possono portare a grandi risultati.

IMG_7242_16000023 Porta Chiavi Cocò Verde AcidoGrazie alla collaborazione con questa azienda tutta bresciana i partecipanti alla #GGDBrescia5  troveranno nelle proprie welcome bag un simpatico prodotto CacoDesign e riceveranno un buono sconto per un acquisto sul loro e-commerce che sarà presto online.

Perché non c’è geek che non ami fare shopping online ;)

Seguite le novità di CacoDesign su Facebook e postate le foto del vostro Caco su Instagram!

foto_speaker_insieme_ggdbrescia5

#GGDBrescia5: gli speaker che ci parleranno di Internet of Things

Dopo avervi svelato la location che ospiterà la prossima #GGDBrescia5 è tempo di presentarvi gli speaker che abbiamo scelto per affrontare da 6 differenti punti di vista il tema Internet of things.

Emanuela Pala

Internet of Things in Italia: lo scenario di riferimento

emanuela_blog

Collaboratrice alla Ricerca presso il Dipartimento di Ingegneria Gestionale, all’interno del gruppo di ricerca Osservatori ICT & Management della School of Management del Politecnico di Milano. È stata ed è coinvolta in diversi progetti finanziati di carattere internazionale e regionale, tra cui il progetto T.O.P (Tracking Original Products), dove ha ricoperto il ruolo di Work Package Manager. È ricercatrice all’interno del gruppo di ricerca Osservatori ICT & Management della School of Management del Politecnico di Milano. In particolare, è responsabile dell’analisi di mercato e del quadro applicativo all’interno dell’Osservatorio Internet of Things e Project Manager, con focalizzazione su tre aree specifiche: Smart City & IoT, ICT in Sanità e Operations. Campi di ricerca principali riguardano l’analisi del ruolo delle tecnologie ICT e Internet of Things a supporto di aziende, cittadini e pubbliche amministrazioni, con particolare riferimento allo sviluppo e applicazione di modelli di valutazione dell’impatto (economico, ambientale) di applicazioni Internet of Things sui processi aziendali e sul tessuto socio-economico, con focus su Smart City, Sustainable Building e Smart Metering gas, alla stima dell’impatto delle tecnologie ICT in Sanità ed alla valutazione della fattibilità tecnico-economica di soluzioni RFId in diversi settori (farmaceutico, tessile-abbigliamento, fashion, sanità).

 

Domenico Quaranta

5 geek girls I like a lot

domenico_blogCritico e curatore d’arte contemporanea. Il suo lavoro si è concentrato sull’impatto degli sviluppi tecno-sociali sulle arti, con una particolare attenzione per l’arte in rete. Come critico, collabora regolarmente a Flash Art e ad Artpulse; i suoi saggi, recensioni e interviste sono comparse in riviste, giornali e portali online. Ha pubblicato NET ART 1994-1998: La vicenda di Äda’web (Milano 2004), Media, New Media, Postmedia (Milano 2010, tradotto in inglese nel 2013 col titolo Beyond New Media Art) e In My Computer (Brescia 2011). Ha curato, con Matteo Bittanti, il libro GameScenes. Art in the Age of Videogames (Milano 2006), oltre a collaborare a numerosi libri e pubblicazioni, incluso Art and Internet (Londra 2013), di prossima pubblicazione. Dal 2005 ha curato diverse mostre in Italia e all’estero. Fra queste: Holy Fire. Art of the DigitalAge (iMAL, Bruxelles 2008); RE:akt! | Reconstruction, Re-enactment, Re-reporting (MNAC, Bucharest – Skuc, Lijubliana – MMSU, Rijeka – Maribor Art Gallery, Maribor, 2009 – 2010); Playlist (LABoral, Gijon 2009 – 2010 e iMAL, Bruxelles 2010); Italians Do It Better!! (Biennale di Venezia, Eventi Collaterali, 2011) e Collect the WWWorld. The Artist as Archivist in the Internet Age (Brescia, Spazio Contemporanea 2011; Basel, House of Electronic Arts e New York, 319 Scholes, 2012). Ha tenuto numerose conferenze e insegna presso l’Accademia di Brera a Milano. Dal 2011 è co-fondatore e Direttore Artistico del LINK Center for the Arts of the Information Age.

 

Zoe Romano

Weareable e Open Source

zoe_blogLaureata in filosofia e appassionata di tecnologia ha co-fondato il progetto open-source di moda collaborativa europea Openwear attivo dal 2009 al 2012. Ha partecipato alla creazione di iniziative di attivismo sociale come San Precario e il suo anagramma Serpica Naro, la stilista immaginaria accettata nel calendario ufficiale della settimana della moda. Nel 2011 ha fondato Wefab, per la diffusione di eventi e iniziative intorno all’Open Design e alla Digital Fabrication a Milano. Scrive per CheFuturo, Digicult e Doppiozero. Dal febbraio 2013 si è unita al team di Arduino per occuparsi di digital strategy e tecnologie indossabili. La potete incontrare una volta al mese durante gli eventi di Popupmakers.

 

Fabio Lalli

IoT Experience

fabio_blogCEO e fondatore di IQUII una digital company italiana. Fondatore e Presidente di Indigeni Digitali. 15 anni di ICT in aziende di consulenza e system integrator.
Appassionato di nuove tecnologie e comunicazione online. Insegna in Mobile Marketing e Strategie digitali presso il IlSole24ore ed altri enti di formazione.
Advisor e mentor di alcune startup in ambito digital. Ha scritto due libri “Geolocalizzazione e Mobile Marketing” e “Wearable – Connect you with everything”.

 

 

Luisa Ravelli

IoT: la sicurezza domani.

luisa_blogAppassionata da sempre di informatica ha accantonato la laurea in economia per lavorare con le nuove tecnologie. Curiosa come un gatto, ma amante dei cani, ha la fortuna di avere un lavoro che le permette di affrontare ogni giorno qualcosa di nuovo.
Consulente informatico, spazia dall’assistenza tecnica alla formazione, per la maggior parte usando software libero.

 

 

 

Stefano Solzi

La casa connessa tra mito e reali applicazioni

stefano_blogNel 2000, mentre studia Ingegneria Civile, con alcuni amici fonda una società per creare siti web. Ma nel 2001 decide di cambiare rotta e specializzarsi in domotica: nasce quindi con Paolo Pedrali l’ azienda DomotiCAD. L’ azienda diventa un punto di riferimento per la domotica nel territorio e prima nel 2007, poi nel 2009 nascono due spinoff: Feel3 per l’ integrazioni di tecnologia per l’ automazione, audio-video e networking e Atdt per l’ installazione di tutti gli impianti.
Dal 2012 Feel3 e DomotiCAD sono un’ unica realtà. 

img_7551

#GGDBrescia5: la location. Cherubini EXECUTIVE LOFT ovvero la casa del futuro

In una serata dedicata all’Internet delle cose non poteva mancare la domotica e, grazie al generoso supporto di Cherubini Arredo avremo a disposizione un location… dagli effetti speciali.

La nostra cena si svolgerà infatti all’interno degli spazi straordinari supertecnologici e lussuosi dell’EXECUTIVE LOFT: un appartamento di 300mq su due livelli, ampio, luminoso e soprattutto completamente domotizzato che per una sera ci consentirà di vivere dentro al futuro (non troppo lontano per la verità) in cui sarà normale che gli oggetti di casa interagiscano tra di loro per garantirci il massimo confort.
I sistemi di controllo di Feel3 gestiscono infatti in maniera integrata tutta la tecnologia installata in una casa, coordinandone le funzioni: illuminazione, tende e tapparelle, audio e video, climatizzazione e sicurezza. 

Pronti? Via!

img_7551

Il loft è dotato di ogni confort: soffitti radianti per climatizzazione e riscaldamento, trattamento aria, vetri speciali ad alto assorbimento di rumore, impianto di domotica per il controllo di tutti gli scenari.

img_7563

Una borsa in mano, le chiavi nell’altra, ho fretta e devo uscire. Premo il tasto “uscita”, adiacente alla porta, e senza che mi debba preoccupare il sistema provvede a spegnere le luci di casa, lasciando accese quelle di uscita per un tempo programmato, chiude le tende, e attiva l’antifurto. Uscire di casa senza avere alcun affanno non ci dispiace affatto, vero?

Suonano alla porta. Il sistema mette in pausa il dvd, l’amplificatore accende le luci della sala e proietta sulla televisione la visione delle telecamere poste all’ingresso. Premo il tasto Play, si spengono le luci, e ricomincia la proiezione del film.

Dopo una dura giornata ho voglia di rilassarmi bevendo un drink. Mi accomodo sulla poltrona, premo il tasto musica, le luci si affievoliscono, si illumina quella per leggere e lo stereo si prepara. Seleziono il brano che preferisco e senza necessità ulteriori mi rilasso.

Per le appassionate di arredamento di design:  la cucina è Nomis di Dada integralmente in corian e gli arredi di Molteni. Il bagno è dotato di una super vasca integralmente realizzata in teak a simulare un avvolgente momento di intimità come su un lussuoso yacht.

Mettetevi comode ad ascoltare i 6 speaker che abbiamo scelto per la serata e che vi sveleremo la prossima settimana.

timthumb

Grazie stragrazie e… qualche anticipazione sulla #GGDBrescia4

E anche questa è andata :)

Come ogni volta abbiamo un sacco di persone da ringraziare.
A partire da tutti i presenti… per aver partecipato con tanto entusiasmo. Non immaginate quanto ci stimoli vedere tutto questo riscontro e sostegno.
Un grazie va poi agli speaker che ci hanno permesso di affrontare il connubio cucina e tecnologia da 5 interessantissimi e differenti punti di vista.
Grazie a Flaminia e Nicol che ci supportano (e sopportano) ad ogni evento. E
 a Clara Zanoni per aver realizzato le foto della serata.

Ma soprattutto grazie mille agli sponsor perché senza di loro non riusciremmo ad organizzare questi eventi. Grazie quindi a Buonissimo che per la seconda volta ha creduto in noi, ad Alberto Riboldi e Mozzarella Mia per averci deliziato con un buffet di altissimo livello; a Pedrini, Risolì, Gnammo, Salvetti e Rigoni per aver reso le nostre gift bag più ricche che mai.

E la #GGDBrescia4?

Dateci qualche settimana per riprenderci dall’organizzazione di quella appena trascorsa… ma stiamo già lavorando per voi :) La data è ancora da definire ma possiamo dirvi che sarà in autunno. Il tema invece c’è già e siamo sicure piacerà molto a tutti voi. Si tratta infatti di un argomento che ci sta molto a cuore e una delle tendenze del momento nonché il tema principale su cui verterà l’evento LeWeb che si terrà la questa settimana a LondraSharing economy e consumo collaborativo.
A questo proposito, visto che stiamo ancora definendo i dettagli, ci piacerebbe avere dei vostri suggerimenti sulla serata. Quali aspetti vorreste venissero affrontati? Ci sono case history che vi piacerebbe venissero presentate? Aspettiamo i vostri feedback!

In settimana arriveranno anche le foto della serata. Stay tuned!

Red Bull Finger Fit

Programma di allenamento per la #GGDBrescia2: Red Bull Finger Fit

Come vi abbiamo già anticipato, venerdì ci saranno dei giochi pensati per mettere alla prova la vostra prestanza fisica e poiché non vogliamo trovarvi impreparate e fuori allenamento vi diamo qualche dritta per correre ai ripari con una preparazione atletica che potete fare tranquillamente da casa o in ufficio.

Una geek che si rispetti non sta di certo a girarsi i pollici, anzi li tiene in costante esercizio ;)
Ora è venuto il momento di mettere in pratica anni e anni di allenamento in digitazione di sms, scrittura di messaggi ad ostacoli e invio di triple mail carpiate… sulle altre dita :)

E qui entra in gioco Red Bull con la sua divertentissima app Red Bull Finger Fit.
Tanto per cominciare scaricate l’app sul vostro iPhone o sul vostro smartphone Android.
Una volta scelto il vostro atleta tra gli otto proposti (Manolo, Callo Lewis, Migno Lee, Dita Von Mise, Pollicia, D.Boy, Carmen Dita, Eurodito) è il momento di decidere su quale terreno cimentarsi: palestra, spiaggia, città o pista di atletica? 500 cm, 1000 cm, 1500 cm e 2000 cm sono i quattro livelli di difficoltà che potranno essere resi più semplici o difficoltosi inclinando il proprio device per simulare l’effetto discesa o salita.

Giocare è davvero semplice, guardate qui come si divertono i Two Fingerz! :)

Cosa aspettate? Iniziate subito ad allenarvi! Avete tempo fino a mercoledì 10 ottobre per giocare e condividere i vostri punteggi su twitter utilizzando gli hashtag #fingerfit #girodita

Ci saranno delle belle sorprese durante la serata per le girl geek dalle dita più veloci ;)